Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Focus Coronavirus

Data:

02/08/2022


Focus Coronavirus

 

 

 FOCUS CORONAVIRUS  (ultimo aggiornamento 02/08/2022)                           

 

 

1. NUOVI AGGIORNAMENTI

2. MISURE ADOTTATE IN AUSTRIA (divieti, restrizioni, contatti e link utili)

3. INGRESSO IN AUSTRIA

4. INGRESSO IN ITALIA

5. CERTIFICAZIONE VERDE COVID-19 E PASSAPORTO VERDE

6. VIAGGI: PAESI CHE APPLICANO RESTRIZIONI ALL'INGRESSO NEI CONFRONTI DI VIAGGIATORI PROVENIENTI DALL'AUSTRIA

7. CANCELLERIA CONSOLARE: NUOVE MODALITA' DI EROGAZIONE DEI SERVIZI CONSOLARI

8. I CONTATTI DELL'AMBASCIATA D'ITALIA E NUMERO DI EMERGENZA



1. NUOVI AGGIORNAMENTI


AUSTRIA – DAL PRIMO AGOSTO FINE ALL'OBBLIGO DI ISOLAMENTO FIDUCARIO PER LE PERSONE POSITIVE AL CORONAVIRUS

In base ad una nuova ordinanza del Ministero della Salute dal primo agosto 2022 le persone affette da covid non saranno più tenute a sottoporsi all’isolamento fiduciario di 10 giorni (riducibili a 5 a seguito di test molecolare con CT>30), ma potranno uscire di casa a patto che siano prive di sintomi e indossino una mascherina FFP2. Per le aree particolarmente sensibili vigono divieti di accesso.

Le disposizioni dell’ordinanza in dettaglio:
  • Per le persone con test Covid antigenico o molecolare positivo, al posto dell'isolamento fiduciario, si applicheranno soltanto delle “limitazioni” di 10 giorni, riducibili a 5 giorni (a seguito di test Covid con valore CT superiore a 30)
  • Per poter partecipare alla vita pubblica, le persone contagiate e prive di sintomi dovranno indossare la mascherina FFP2 in tutti i luoghi chiusi (tranne a casa propria) nonché sui mezzi pubblici. L’obbligo della mascherina FFP2 vige inoltre all’aperto se non può essere garantito un distanziamento interpersonale minimo di due metri.
  • Le persone positive al Covid prive di sintomi potranno recarsi anche sul luogo di lavoro, ma a patto che indossino la mascherina FFP2 per tutto il tempo. Non potranno lavorare invece se l’uso della mascherina renderà impossibile l’attività lavorativa (p.es. logopedisti, cantanti…) e ci sono esenzioni dalla presenza fisica al lavoro per i gruppi vulnerabili.
  • Le persone con tampone positivo, anche se prive di sintomi, non potranno invece accedere agli ospedali e alle altre strutture sanitarie, alle case di cura, le strutture per disabili, gli asili nidi, le scuole materne e elementari.
  • Per le persone contagiate con sintomi è stata reintrodotta la possibilità della notifica della malattia per via telefonica.

 

ITALIA - MISURE DI CONTENIMENTO COVID DAL 16 GIUGNO 2022

Dal 16 giugno 2022 è obbligatorio utilizzare le mascherine per accedere e utilizzare i seguenti mezzi di trasporto, luoghi e servizi:

Mascherine FFP2:

  • navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale
  • treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo interregionale, Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità
  • autobus e pullman di linea adibiti a servizi di trasporto tra più di due regioni
  • autobus e pullman adibiti a servizi di noleggio con conducente
  • mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale o regionale


Mascherine (anche solo chirurgiche):

  • strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali, comprese le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistenziali, gli hospice, le strutture riabilitative, le strutture residenziali per anziani

 

Deroghe:
Sono esentati dagli obblighi di cui sopra:

  • bambini sotto i 6 anni di età
  • persone che, per la loro invalidità o patologia, non possono indossare la mascherina
  • operatori o persone che, per assistere una persona con disabilità, non possono a loro volta indossare la mascherina (per esempio: chi debba interloquire nella L.I.S. con persona non udente).

 

Dal 15 giugno non è quindi più obbligatorio ma solo raccomandato indossare la mascherina nei luoghi chiusi, come cinema, teatri, sale da concerto e palazzetti dello sport.

E' venuto meno anche l'obbligo delle mascherine sugli aerei.

 

ITALIA - DAL PRIMO GIUGNO 2022 INGRESSO IN ITALIA SENZA GREEN PASS (3G)

E' scaduta il 31 maggio l’ordinanza del Ministro della Salute che prevedeva la certificazione verde Covid-19 ("Green pass"/"3G") per entrare in Italia. La misura non è stata prorogata.

Pertanto dal primo giugno 2022 l’ingresso in Italia è consentito senza limitazioni (ovvero senza certificato di vaccinazione o guarigione, senza test PCR o antigenico e senza obbligo di pre-registrazione del viaggio).

 

AUSTRIA - ULTERIORE ALLENTAMENTO DELLE MISURE DAL PRIMO GIUGNO 2022

Dal primo giugno 2022 non è più obbligatorio indossare le mascherine nei seguenti luoghi:

  • supermercati
  • mezzi pubblici

E' invece prorogato l'obbligo delle mascherine FFP2 e del green pass ("3G") nei seguenti settings:

  • ospedali, studi medici e sim.
  • case di cura

ATTENZIONE: Nella Regione di Vienna rimane obbligatorio indossare le mascherine FFP2 sui mezzi pubblici, nelle farmacie e nel settore sanitario in generale. Negli ospedali e case di cura è richiesto inoltre un test molecolare (PCR) negativo.

 

AUSTRIA - DAL 16 MAGGIO 2022: INGRESSO IN AUSTRIA SENZA OBBLIGO DI GREEN PASS O PRE-REGISTRAZIONE DEL VIAGGIO

In base alle disposizioni in vigore dal 16 maggio 2022 l’ingresso in Austria è consentito senza limitazioni (ovvero senza certificato di vaccinazione o guarigione, senza test PCR o antigenico e senza obbligo di pre-registrazione del viaggio).


Le disposizioni si applicano all’ingresso da tutti i Paesi, ad eccezione degli Stati che figurano nell’Allegato 1 (“Paesi con varianti del virus”). Al momento non ci sono Stati elencati nell’Allegato 1.

   
 

     

2. MISURE ANTI-COVID ADOTTATE IN AUSTRIA (divieti, restrizioni, contatti e link utili)

NOTA BENE: A livello regionale o comunale possono vigere norme più stringenti. Per informazioni dettagliate sulle attuali misure nelle singole Regioni si prega di consultare https://corona-ampel.gv.at/aktuelle-massnahmen/regionale-zusaetzliche-massnahmen/

AUSTRIA - ATTUALI MISURE ANTI-COVID


Dal primo agosto 2022 non vi sarà più l'obbligo dell'isolamento fiducario per le persone con tampone positivo. A patto che siano prive di sintomi, potranno uscire di casa e partecipare alla vita pubblica. Per maggiori dettagli vedi relativo box sotto BREAKING NEWS.


1) AUSTRIA (ad eccezione della Regione di Vienna):

Obbligo di mascherina FFP2:

Dal primo giugno 2022 è obbligatorio indossare una mascherina FFP2 nei seguenti luoghi:

  • strutture ospedaliere, case di cura, case di riposo e simili


Obbligo del green pass ("3G" - certificato valido di vaccinazione o guarigione oppure test PCR o antigenico):

  • strutture ospedaliere, case di cura, case di riposo e simili (sia per i visitatori che per il personale)

Sono esentati dall'obbligo i bambini di età inferiore ai 6 anni. I minori di età compresa tra 6 e 14 anni ove vige l'obbligo di mascherina FFP2 possono utilizzare una semplice mascherina.


La validità del green pass in Austria è di 6 mesi per coloro che hanno ricevuto un ciclo vaccinale completo (2 dosi). Per le persone munite della dose di richiamo (Booster, terza dose) la validità è di 365 giorni.


Obbligo di un protocollo ad-hoc anti-Covid:

  • In caso di eventi/incontri con più di 500 partecipanti, l'organizzatore deve predisporre un protocollo ad-hoc.


2) NELLA REGIONE DI VIENNA: 

A Vienna rimangono in vigore alcune misure più stringenti:

  • obbligo di mascherina FFP2 sui mezzi pubblici e fermate dei mezzi pubblici
  • obbligo di mascherina FFP2 nelle farmacie e nel settore sanitario in generale
  • obbligo di un test molecolare (PCR) negativo negli ospedali e case di cura (oltre alla mascherina FFP2)
  • per eventi con più di 500 partecipanti l'organizzatore deve predisporre un protocollo specifico.

 

Le misure possono essere soggette a variazioni. Si prega pertanto di consultare le seguenti pagine web del Ministero della Salute austriaco per maggiori informazioni, aggiornamenti e raccomandazioni delle autorità austriache:

https://www.sozialministerium.at/Informationen-zum-Coronavirus/Coronavirus---Haeufig-gestellte-Fragen.html

https://www.sozialministerium.at/Informationen-zum-Coronavirus/Coronavirus---Aktuelle-Ma%C3%9Fnahmen.html

https://corona-ampel.gv.at/

 

L’Austria ha istituito una linea dedicata raggiungibile in Austria 24 ore su 24 al numero 0800 555 621. Inoltre sul territorio nazionale è attivo un numero per segnalare i casi di sospetto contagio da coronavirus: 1450 (+43-1-1450 se si chiama da cellulare italiano).


Si segnala infine che, sulla base delle indicazioni dell’Autorità sanitaria austriaca, qualora si avvertano sintomi riconducibili ad un’infezione da Corona Virus, occorre, in via esclusiva contattare il numero 1450. Non tentare di raggiungere personalmente i presidi sanitari.

 

 

3. INGRESSO IN AUSTRIA


DISPOSIZIONI IN VIGORE DAL 16 MAGGIO 2022


In base alle disposizioni in vigore dal 16 maggio 2022 l’ingresso in Austria è consentito senza limitazioni (senza green pass o test PCR/antigenico e senza obbligo di pre-registrazione del viaggio). 

Le disposizioni si applicano all’ingresso da tutti i Paesi, ad eccezione degli Stati che figurano nell’Allegato 1 (“Paesi con varianti del virus”). Al momento non ci sono Stati elencati nell’Allegato 1.


Per maggiori informazioni:

 

 

4. INGRESSO IN ITALIA


DISPOSIZIONI IN VIGORE DAL PRIMO GIUGNO 2022


L'INGRESSO IN ITALIA DA TUTTI I PAESI DEL MONDO E' POSSIBILE SENZA LIMITAZIONI (OVVERO SENZA CERTIFICAZIONE VERDE ("3G") E SENZA PRE-REGISTRAZIONE DEL VIAGGIO).

 

Dal primo giugno 2022 l'ingresso in Italia (da tutti i Paesi del mondo) è consentito senza alcuna limitazione (non è quindi necessario né il green pass né la pre-registrazione del viaggio). 

 

MISURE DI CONTENIMENTO COVID-19 IN ITALIA:


1) MASCHERINE

Dal 16 giugno 2022 è obbligatorio utilizzare le mascherine per accedere e utilizzare i seguenti mezzi di trasporto, luoghi e servizi:

Mascherine FFP2:

  • navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale
  • treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo interregionale, Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità
  • autobus e pullman di linea adibiti a servizi di trasporto tra più di due regioni
  • autobus e pullman adibiti a servizi di noleggio con conducente
  • mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale o regionale


Mascherine (anche solo chirurgiche):

  • strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali, comprese le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistenziali, gli hospice, le strutture riabilitative, le strutture residenziali per anziani


Deroghe:
Sono esentati dagli obblighi di cui sopra:

  • bambini sotto i 6 anni di età
  • persone che, per la loro invalidità o patologia, non possono indossare la mascherina
  • operatori o persone che, per assistere una persona con disabilità, non possono a loro volta indossare la mascherina (per esempio: chi debba interloquire nella L.I.S. con persona non udente).


Dal 15 giugno non è quindi più obbligatorio ma solo raccomandato indossare la mascherina nei luoghi chiusi, come cinema, teatri, sale da concerto e palazzetti dello sport.

E' venuto a meno anche l'obbligo delle mascherine sugli aerei.



2) GREEN PASS

L'obbligo della certificazione verde  resta esclusivamente (e fino al 31 dicembre 2022) per entrare come visitatore in ospedale e in Rsa e per il personale sanitario.

 


LINK UTILI:

 

 

 

5. CERTIFICAZIONE VERDE COVID-19 E PASSAPORTO VERDE

AUSTRIA E ITALIA - INFORMAZIONI SULLA CERTIFICAZIONE VERDE COVID-19 E SUL "PASSAPORTO VERDE"


AUSTRIA - La Certificazione verde Covid-19

I "Certificati digitali COVID dell'UE", in formato uniforme, vengono emessi dalle autorità austriache e sono riconosciuti sia in forma cartacea che digitale a livello UE (p.es. per i viaggi). I certificati sono dotati di un codice QR e attestano l’avvenuta vaccinazione, la guarigione da Covid-19 oppure l’effettuazione di un test Covid-19 con risultato negativo.


AUSTRIA - Il "Passaporto verde”

In concomitanza con l’introduzione dei certificati COVID conformi all'UE, l’Austria ha introdotto anche il c.d. passaporto verde che costituisce l’insieme dei certificati COVID (con codice QR per verificarne l’autenticità e validità) di una persona per una visualizzazione dei certificati in qualsiasi momento.

Per accedere al "passaporto verde" attraverso il portale https://gesundheit.gv.at l’interessato deve essere munito o di un’identità digitale (la c.d. “Handysignatur”) oppure della Carta dei Servizi (“Bürgerkarte”, dotata di microchip).

Le persone dotate di numero di previdenza sociale austriaco (“Sozialversicherungsnummer”, indicato sulla tessera sanitaria austriaca “e-Card”) possono anche richiedere una stampa (cartacea) dei documenti del passaporto verde.

A tal fine è sufficiente recarsi

  • (per i certificati di avvenuta vaccinazione) presso una farmacia, uno studio medico, uno degli uffici della Österreichischen Gesundheitskasse (ÖGK) oppure gli uffici ELGA (“ELGA-Ombudsstellen”).
    Le persone con ciclo vaccinale completato entro il 30 giugno 2021 ricevono il proprio certificato vaccinale per posta al proprio indirizzo.
  • (per i certificati di guarigione) presso un ufficio comunale (Gemeindeamt), un’autorità amministrativa distrettuale (Bezirksverwaltungsbehörde) o un ufficio ELGA (ELGA-Ombudsstelle).


NB: In Austria i certificati di avvenuta vaccinazione sono considerati validi nei seguenti casi:

  1. Vaccini con due dosi vaccinali:
    - Ciclo vaccinale completato: fino a 270 giorni dopo la somministrazione della seconda dose (a partire dal 1 febbraio 2021: per 180 giorni dalla data di somministrazione)
  2. Vaccini con una dose vaccinale (p.es. Johnson & Johnson) + seconda dose (p.es. Pfizer o Moderna)
    - Fino a 270 giorni dopo la somministrazione della seconda dose (a partire dal 1 febbraio 2021: per 180 giorni dalla data di somministrazione)
  3. Persone guarite da Covid-19:
    - Le persone guarite da Covid-19 che (allo stato attuale) necessitano di una dose vaccinale soltanto. Il certificato di avvenuta vaccinazione è valido fino a 270 giorni dopo la somministrazione del vaccino (a partire dal 1 febbraio 2021: per 180 giorni dalla data di somministrazione)

 
Per maggiori informazioni sull’attivazione dell’identità digitale (Handysignatur) si prega di consultare il seguente link: https://www.oesterreich.gv.at/themen/dokumente_und_recht/handy_signatur_und_kartenbasierte_buergerkarte/Seite.2210032.html

Per informazioni dettagliate e FAQ sul passaporto verde:


Qualora il proprio certificato digitale Covid UE dovesse presentare errori, è possibile rivolgersi alla AGES, Agenzia austriaca per la Salute, al fine di richiedere la correzione o una nuova emissione del certificato in questione: https://www.ages.at/service/service-gruener-pass/


Certificazione per persone senza numero di previdenza sociale austriaco ("Sozialversicherungsnummer"):

In linea di principio tutte le persone che dopo il 1972 sono stati iscritti al regime di previdenza sociale austriaco dispongono anche di un numero di previdenza sociale austriaco ("Sozialversicherungsnummer").

Le persone prive del "Sozialversicherungsnummer", al fine di ottenere il certificato di vaccinazione elettronico/passaporto verde, possono rivolgersi ad uno degli Uffici dell'ASL locale ("Kundenservicestellen der Österreichischen Gesundheitskasse": https://www.gesundheitskasse.at/cdscontent/?contentid=10007.851829&portal=oegkportal e richiedere il rilascio di una e-card "temporanea". Ai fini della richiesta deve essere presentata una foto recente (secondo i criteri ICAO per i passaporti).

Con la e-card temporanea è possibile recarsi presso un medico di base per la registrazione dell'avvenuta vaccinazione sul passaporto di vaccinazione elettronico. Una volta registrata la vaccinazione, è possibile scaricare il certificato di vaccinazione dal sito http://gesundheit.gv.at oppure richiedere la stampa del certificato (p.es presso un medico di base o una farmacia).

* * *


ITALIA – La certificazione verde Covid-19:
La competente autorità italiana (Ministero della Salute) rilascia la certificazione verde Covid-19 sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e Province Autonome relativi alla vaccinazione, alla negatività al test o alla guarigione da Covid-19.

La certificazione viene emessa in formato digitale stampabile. Attualmente è possibile visualizzare, scaricare e stampare il certificato verde attraverso le seguenti piattaforme digitali:

Le persone sprovviste di pc o smartphone possono rivolgersi al proprio medico generale, al pediatra o in farmacia per una stampa della propria certificazione verde Covid-19.

Per informazioni dettagliate sulla Certificazione verde Covid-19 si prega di consultare il seguente sito web: https://www.dgc.gov.it/web/ 

 

 

6. VIAGGI: PAESI CHE APPLICANO RESTRIZIONI ALL'INGRESSO NEI CONFRONTI DI VIAGGIATORI PROVENIENTI DALL'AUSTRIA

Viaggi dall’Austria all’estero: Per informazioni su eventuali restrizioni all'ingresso (p.es. obblighi di quarantena/test anti-covid/registrazione online) per viaggiatori provenienti dall'Austria si prega di consultare la pagina web del club automobilistico Oeamtc al link:
https://www.oeamtc.at/thema/reiseplanung/coronavirus-reiseinfos-36904404#reisen-in-europa-38288918

 

7. CANCELLERIA CONSOLARE: NUOVE MODALITA' DI EROGAZIONE DEI SERVIZI CONSOLARI
 
Fino ad emergenza definitivamente superata, gli utenti saranno ricevuti esclusivamente su appuntamento e solo per servizi consolari per i quali sia necessario presentarsi di persona. Ciò consentirà di organizzare l’affluenza in modo da garantire il rispetto costante delle necessarie misure precauzionali. Si ricorda che per accedere ai locali della Cancelleria Consolare è obbligatorio indossare la mascherina e disinfettarsi le mani con soluzione idroalcolica. È prevista inoltre la rilevazione della temperatura corporea con strumento touch less: l’accesso è consentito solo con temperatura inferiore o pari a 37,5 gradi centigradi.

Di seguito i dettagli su come accedere ai principali servizi consolari.


STATO CIVILE


Per ogni informazione, consultare la relativa sezione “Stato Civile” del sito dell’Ambasciata: https://ambvienna.esteri.it/Ambasciata_vienna/it/informazioni_e_servizi/servizi_consolari/stato-civile/stato-civile-nascita-matrimonio.html

In caso di dubbi o domande che non trovino risposta nella citata sezione, scrivere a statocivile.vienna@esteri.it.  Gli addetti al settore risponderanno ai Vostri quesiti in materia, proponendo un appuntamento qualora ciò sia ritenuto necessario ovvero opportuno.



AIRE – Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero


Per ogni informazione, consultare la relativa sezione “AIRE” del sito dell’Ambasciata:
https://ambvienna.esteri.it/ambasciata_vienna/it/informazioni_e_servizi/servizi_consolari/anagrafe/anagrafe.html

In caso di dubbi o domande che non trovino risposta nella citata sezione, scrivere a anagrafe.vienna@esteri.it. Gli addetti al settore risponderanno ai Vostri quesiti in materia.

Vi ricordiamo che ogni iscrizione, variazione, modifica della circoscrizione AIRE deve essere effettuata tramite il portale FAST IT. Il settore gestirà da remoto le vostre richieste.



CITTADINANZA


Per ogni informazione, consultare la relativa sezione “Cittadinanza” del sito dell’Ambasciata: https://ambvienna.esteri.it/ambasciata_vienna/it/informazioni_e_servizi/servizi_consolari/cittadinanza/cittadinanza.html 

In caso di dubbi o domande che non trovino risposta nella citata sezione, scrivere a vienna.cittadinanza@esteri.it. Gli addetti al settore risponderanno ai Vostri quesiti in materia.



PASSAPORTI

Il Servizio Passaporti opera nuovamente secondo le ordinarie modalità (ante Covid19), si prega di consultare quindi la relativa sezione del sito dell’Ambasciata:

https://ambvienna.esteri.it/ambasciata_vienna/it/informazioni_e_servizi/servizi_consolari/passaporti/passaporti.html



CIE – Carta di Identità Elettronica


Il Servizio CIE opera nuovamente secondo le ordinarie modalità (ante Covid19), si prega di consultare quindi la relativa sezione del sito dell’Ambasciata:
https://ambvienna.esteri.it/ambasciata_vienna/it/informazioni_e_servizi/servizi_consolari/carta_iden/carta-iden.html



ASSISTENZA SOCIALE, DICHIARAZIONI DI VALORE E CODICI FISCALI

Per ogni informazione, consultare il sito dell’Ambasciata. In caso di dubbi o domande che non trovino risposta, scrivere a consolato.vienna@esteri.it ovvero telefonicamente al numero di centralino. 



Per venire incontro alle esigenze dei connazionali, il centralino della Cancelleria – 004317135671 - è operativo da lunedì a venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13.30 per informazioni consolari di carattere generale e dalle ore 13.30 alle ore 15 per informazioni su pratiche consolari in corso.






8. I CONTATTI DELL'AMBASCIATA D'ITALIA E NUMERO DI EMERGENZA

Specifici quesiti che non trovino risposta nel presente comunicato o nella consultazione del sito http://www.viaggiaresicuri.it, gestito dal Ministero degli Affari Esteri italiano, potranno essere indirizzati alla casella email consolato.vienna@esteri.it 

 

Il centralino della Cancelleria Consolare (+43 1 713 56 71) è attivo tutti i giorni lavorativi come segue:

  • dalle ore 9 alle ore 13.30 per informazioni consolari di carattere generale;
  • dalle ore 13.30 alle ore 15 per informazioni su pratiche consolari in corso.

Si ricorda inoltre che il numero di emergenza dell’Ambasciata +43. (0)676.708.4884 risponde dal lunedì al venerdì dalle ore 15 alle ore 22, nonché sabato, domenica e giorni festivi dalle ore 9 alle ore 22. Si ricorda che il numero di emergenza è riservato ai soli cittadini ITALIANI che si trovino in condizioni di assoluta emergenza, quali situazioni di arresto, pericolo per la propria salute o incolumità, od eventi calamitosi.

Fino a che le Autorità Austriache non avranno dichiarato cessato lo stato di crisi sanitaria in corso, la Cancelleria Consolare riceve unicamente su appuntamento (per ulteriori informazioni consultare il seguente link).


Luogo:

782