Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Diplomazia culturale


ACCORDO CULTURALE TRA ITALIA E AUSTRIA

Il 14 marzo 1952 è stato firmato a Roma l’Accordo Culturale tra la Repubblica Italiana e la Repubblica Austriaca per sviluppare gli scambi nel campo culturale tra i due Paesi.

Questo accordo di collaborazione bilaterale è stato voluto per rafforzare i legami di amicizia tra i due paesi e per promuovere la comprensione e la conoscenza reciproche mediante lo sviluppo delle relazioni culturali.

Si tratta di iniziative congiunte nei settori dell’educazione, della cultura e della scienza da realizzare nel quadro di una collaborazione bilaterale e in ambito europeo sempre più intensa. Fissa le azioni specifiche per: la diffusione della lingua e della cultura e la cooperazione nel settore dell’istruzione; le borse di studio; la cooperazione nel settore universitario; il riconoscimento dei titoli di studio; le attività culturali e artistiche; la collaborazione nel settore sportivo e giovanile; ecc. Il compito di promuovere la cultura italiana in Austria ricade principalmente sull’Istituto Italiano di Cultura di Vienna con il coordinamento e la supervisione dell’Ambasciata.

Il Programma Esecutivo di collaborazione culturale tra l’Italia e l’Austria definisce i concreti ambiti di applicazione dell’Accordo Culturale. Quello attualmente vigente (XVII Programma) è stato firmato a Roma il 20 settembre 2023.

>> Testo integrale del Programma esecutivo 2023-2028

 


MECCANISMO DI RECIPROCO RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO

Dall’art. 10 dell’Accordo Culturale deriva anche il meccanismo di reciproco riconoscimento dei titoli.

Si è svolta a Vienna il 13 dicembre 2022 la XXVII sessione della Commissione Mista sul reciproco riconoscimento dei titoli accademici.

Oltre all’impatto sociale, soprattutto in termini di sostegno alla mobilità degli studenti nei due Paesi, le riunioni periodiche di questa Commissione Mista sono un ulteriore esempio della collaborazione estremamente avanzata e pragmatica che Italia ed Austria hanno saputo realizzare a partire dalla fine della Seconda Guerra Mondiale a vantaggio dei rispettivi cittadini.

Il reciproco riconoscimento dei titoli e delle qualifiche accademiche segue l’approccio funzionale che ha caratterizzato gli albori dell’integrazione europea. Tale meccanismo ha anticipato inoltre di moltissimi anni le procedure di convergenza dei sistemi di istruzione europea legate alla Convenzione di Lisbona del 1997, al Processo di Bologna e allo Spazio Europeo della Formazione Superiore (European Higher Education Area – EHEA).

 


LINGUA E CULTURA ITALIANA IN AUSTRIA

L’Istituto Italiano di Cultura

L’Istituto Italiano di Cultura di Vienna opera secondo strategie condivise con l’Ambasciata al fine di promuovere e diffondere la lingua e la cultura italiane in Austria.

In particolare, l’Istituto:

  • stabilisce contatti con istituzioni, enti e personalità del mondo culturale e scientifico austriaco e favorisce le proposte e i progetti per la conoscenza della cultura italiana o comunque finalizzati alla collaborazione culturale e scientifica;
  • promuove iniziative, manifestazioni culturali e mostre;
  • assicura collaborazione a studiosi italiani nella loro attività di ricerca e di studio all’estero;
  • promuove e favorisce iniziative per la diffusione della lingua italiana all’estero.


A tal fine l’Istituto

  • organizza eventi nei settori arti figurative, musica, letteratura, cinema, teatro e danza, così come negli ambiti della moda, del design, dell’architettura e delle scienze naturali;
  • adotta iniziative nell’ambito della promozione dell’italiano attraverso
    – la sezione del suo sito web “Risorse per il vostro italiano
    – il sostegno o la coorganizzazione di seminari di formazione per insegnanti;
  • offre al pubblico l’accesso a oltre 23.000 beni librari, CD e DVD attraverso la propria biblioteca/mediateca, tradizionale e digitale.

Sito web: iicvienna.esteri.it 

La Società Dante Alighieri

La Società Dante Alighieri fu fondata in Italia nel 1889 da un gruppo di intellettuali guidati dal poeta Giosuè Carducci. Da allora, l’impegno di “Tutelare e diffondere la lingua e la cultura italiana nel mondo” viene portato avanti da più di 500 comitati nel mondo, di cui 11 in Austria (Amstetten, Eisenstadt, Feldkirch, Graz, Innsbruck, Klagenfurt, Linz, Salzburg, Spittal/Drau, Vienna, Villaco). La Società Dante Alighieri è presente a Vienna dal 1922, organizza corsi di lingua, incontri, conferenze, presentazioni di libri, viaggi e soggiorni in Italia, è sede di esami e distribuisce premi e borse di studio.