Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Terza edizione del Festival di letteratura italiana “La Fonte” (1-3 marzo 2024)

lafonte

Da venerdì 1 a domenica 3 marzo u.s. si è svolta presso il Teatro Odeon di Vienna la Terza Edizione del Festival di letteratura italiana ‘‘La Fonte’’, organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura a Vienna e dalle associazioni culturali ‘‘Librai in corso’’ di Roma e “Libellula” di Vienna, con il supporto dell’ Ambasciata d’Italia, della Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Organizzazioni Internazionali e della Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’OSCE.

Il festival è stato il frutto di un’intensa attività organizzativa che ha coinvolto autori, agenti, editori in lingua italiana e tedesca, traduttori, moderatori, interpreti e librai, oltre che istituzioni (come la rete delle biblioteche della città di Vienna) e operatori economici locali. 

La manifestazione ha visto la partecipazione di undici autori italiani attivi nel campo della narrativa, della saggistica, del fumetto e dei libri per bambini – in ordine di apparizione: Serena Dandini, Alessandro Barbero, Dacia Maraini, Benedetta Tobagi, Domenico Dara, Fabio Genovesi, Manuele Fior, Stefano Mancuso, Silvia D’Achille, Davide Morosinotto e Gianrico Carofiglio. Inoltre, è stato previsto un evento speciale in occasione dei 50 anni dalla pubblicazione del romanzo “La Storia” di Elsa Morante.

Il festival ha totalizzato circa 2.200 visitatori e ha beneficiato di un’ampia copertura mediatica tra i media locali, come testimoniano gli articoli sui quotidiani “Kurier” e “Die Presse”, sul settimanale “Falter” e i servizi per le emittenti TV ORF (omologa della RAI austriaca) e W24.

Gli incontri si sono svolti in italiano e, con la sola eccezione degli eventi per bambini, è stata prevista una traduzione consecutiva in tedesco. Le registrazioni degli incontri saranno rese disponibili prossimamente sul canale YouTube dell’Istituto, dove sono già visibili quelle delle due precedenti edizioni.